Select your language:



Domande frequenti

faqs2
faqs
faqs3
100_3810 FAQ2
FAQ 1
P
shutterstock_146350493 FAQ 3

Cos’è USMEF?

USMEF è l’associazione di categoria più integrata verticalmente nel settore della vendita di carne e nell’industria del bestiame. USMEF rappresenta i produttori e allevatori di bovini/vitelli, i produttori e allevatori di carni suine, produttori e allevatori di carni ovine, trasformatori, addetti all’imballaggio, operatori dell’industria alimentare, approvvigionatori e commercianti, produttori di semi oleosi, produttori di cereali per l’alimentazione, organizzazioni di aziende agricole e organizzazioni di fornitura e servizio.

Qual è la missione dell’USMEF?

La missione dell’USMEF è quella di aumentare il valore e la redditività delle aziende nel settore di carni bovine, suine e ovine statunitensi potenziando la domanda per i loro prodotti nei mercati di esportazione attraverso una partnership dinamica di tutte le parti interessate. In poche parole, USMEF vuole portare la carne statunitense sulle tavole di tutto il mondo.

Dove si trova l’USMEF?

Con sede centrale a Denver, l’USMEF ha uffici a Seul, Tokyo, Hong Kong, Pechino, Shanghai, Shenyang, Singapore, Taipei, Mosca, San Pietroburgo, Città del Messico, Monterrey e Bruxelles. Inoltre ha anche rappresentanti specialisti del settore che operano nella Cina meridionale, in Medio Oriente e ai Caraibi.

Che ruolo ha l’USMEF nell’aumento delle esportazioni di carni rosse statunitensi?

L’USMEF svolge attività di sviluppo del mercato in più di 80 paesi. Queste attività rientrano in diverse aree principali:

  • Marketing: creare una domanda di carne statunitense nei mercati internazionali attraverso promozione, seminari commerciali, pubblicità, per informare i consumatori, e le pubbliche relazioni.
  • Assistenza commerciale: operare per avvicinare acquirente e venditore conducendo ricerche di mercato e sul prodotto.
  • Accesso al mercato: fornire al governo degli Stati Uniti e all’industria la conoscenza commerciale necessaria per garantire, mantenere e sviluppare l’accesso equo e ragionevole ai mercati internazionali.

Come viene finanziata l’USMEF?

L’USMEF viene finanziata da diverse fonti, tra cui quote associative, contributi privati e “checkoff programs” (programmi di raccolta quote) sulle carni bovine, suine e ovine, mais, sorgo e soia. Inoltre, come collaboratore del dipartimento dell’agricoltura statunitense, l’USMEF riceve fondi da programmi riguardanti l’accesso al mercato, i mercati emergenti e lo sviluppo del mercato estero

Quali sono i vantaggi delle esportazioni di carni rosse nel settore?

Carni bovine.

Nel 2009, le esportazioni di carni bovine e varietà delle stesse sono stati di 897.376 tonnellate per un valore di 3,08 miliardi di dollari.
I 10 tagli di carne bovina più esportati rappresentano l’85% del totale delle esportazioni di carni bovine statunitensi.
Nel 2009 il valore delle esportazioni di carne bovina statunitense è stato di 118,27 dollari per ogni capo di manzo e giovenca prodotti.

Nel 2009 è stato esportato circa il 10% della carne bovina e varietà della stessa statunitense.
Nel 2009, le esportazioni nette di carne bovina e varietà della stessa sono state valutate a 265 milioni di dollari, marcando il secondo anno consecutivo di esportazione netta 2003 (esportazioni nette nel 2008: 445 milioni di dollari).

Carne suina.

Nel 2009 gli Stati Uniti hanno esportato 1,87 milioni di tonnellate di carne suina e varietà della stessa per un valore di 4,8 miliardi di dollari.
Nel 2009 il valore delle esportazioni di carni suine statunitensi è stato valutato a 38,44 dollari per capo per ogni maiale lavorato rispetto a 42,31 dollari nel 2008 e a 30,22 dollari nel 2007.

Nel 2009 è stato esportato circa il 22,5% di carne suina statunitense e varietà della stessa.

Carne ovina

Le esportazioni di tagli muscolari ovini statunitensi hanno segnato un nuovo record nel 2009 di 21,9 milioni di dollari, superando quello dell’anno precedente del 2%. Il volume dei tagli del muscolo era di 6.974 tonnellate, secondo solo al volume record del 2006 di 7.941 tonnellate.
I Caraibi sono rimasti il maggior acquirente delle carni ovine statunitensi nel 2009, con un totale di carni ovine/varietà di carni ovine di 11,82 milioni di dollari. Le esportazioni in Messico sono triplicate rispetto al 2008, raggiungendo gli 8,13 milioni di dollari.

Cereali da foraggio e semi oleosi:

ogni tonnellata di carne bovina rossa statunitense esportata comporta l’utilizzo di circa 1,5 acri di mais.
Ogni 450 g di carne suina statunitense esportata rappresenta l’utilizzo di 590 g di semi di soia negli Stati Uniti. Ogni 450 g di carne bovina statunitense esportata comporta l’utilizzo di 2,6 kg di cereali per foraggio negli Stati Uniti. L’USMEF stima che più di 10,9 milioni di tonnellate di mais e più di 1,9 milioni di tonnellate di soia siano stati esportati attraverso l’esportazione di carni rosse statunitensi nel 2009.
Mentre le esportazioni dirette di mais sono aumentate del 42% a partire dal 1990, le esportazioni indirette attraverso le carni rosse sono aumentate del 366%.


Share this page on social networks: